BILANCIO, PDL MUNICIPI: “NO ALL’AUMENTO DELL’IMU DAL 4 AL 5 PER MILLE”

BILANCIO, PDL MUNICIPI: “NO ALL’AUMENTO DELL’IMU DAL 4 AL 5 PER MILLE”

Appello dei consiglieri municipali del Pdl Fedeli (IX), Augusto Santori (XV), Marco Giudici (XVI), Francesco ed Emiliano Corsi (VI E VII), che chiedono all’assemblea capitolina di respingere l’aumento proposto dalla giunta

“No all’aumento dell’aliquota Imu sull’abitazione principale a Roma. Se la proposta di bilancio di Roma Capitale, che prevede l’aliquota Imu sull’abitazione al 5 per mille, sarà approvata, i cittadini romani subiranno a dicembre un salasso devastante. Un aumento medio del 36% della rata pagata a giugno finirà col mandare in crisi centinaia di migliaia di persone”.

Lo dichiarano in una nota congiunta Roberto Fedeli consigliere Pdl del IX Municipio, che rappresentando i timori per l’impatto devastante di questa imposta sul ceto popolare, aveva promosso una mozione per ridurre l’aliquota sull’abitazione principale, e Augusto Santori, Marco Giudici, Francesco e Emiliano Corsi, consiglieri municipali del Pdl rispettivamente nei municipi XV, XVI, e VI e VII.

“Chiediamo all’Assemblea Capitolina di dire no all’aumento dal 4 al 5 per mille previsto nel bilancio di Roma Capitale. E’ già astronomico l’aumento dell’aliquota Imu sulle seconde case, sugli immobili concessi in locazione, sulle case date in comodato a familiari, l’imposta infatti passerebbe dal 7,6 passerebbe al 10,6. Si valuti attentamente quello che sarà un voto determinate per il futuro economico e sociale della nostra città. Se si vuole dare un forte segnale al Governo nazionale, questa l’occasione giusta. Le risorse economiche si devono trovare colpendo i privilegi, i mega stipendiati e i mega pensionati e non svuotando le tasche dei piccoli pensionati, delle famiglie monoreddito, dei piccoli operatori artigianali e commerciali”, concludono Fedeli, Augusto Santori, Giudici e Francesco ed Emiliano Corsi.

(fonte foto romacapitalenews)

Condividi questo post