CASTA, SANTORI: “A PALAZZO IN BICI”

CASTA, SANTORI: “A PALAZZO IN BICI”

“Non c’è bisogno di volgere lo sguardo alle amene e progredite lande del Nord Europa per prendere l’esempio e vedere deputati e senatori che vanno a palazzo in bici o con i mezzi pubblici. Lo facciano anche i nostri parlamentari, così si renderanno finalmente conto delle vere difficoltà dei romani. Lo hanno imposto per esempio anche in India, quel paese dall’economia emergente che snobba la nostra diplomazia e gli accordi internazionali tenendo in galera da mesi i nostri marò. Se l’aria è inquinata, ci pensino i romani ad andare a piedi, sembrano voler dire gli onorevoli con la solita e insopportabile boria che li distingue”. Fabrizio Santori, candidato alle primarie del centrodestra alla carica di sindaco di Roma, commenta così la notizia che il palazzo ha stanziato oltre 5 milioni di euro per un parcheggio riservato.
“Il Parlamento italiano, tra gli spasmi della crisi da occidente e lo scherno che echeggia beffardo da oriente, non si scompone. Anzi, stanzia oltre 5 milioni di euro per nuovi parcheggi nelle vicinanze di studi e scranni del palazzo del potere. Quei soldi siano invece investiti per i percorsi ciclabili, per rendere Roma più sicura per le due ruote e per potenziare la qualità dei servizi di trasporto pubblico senza dimenticare il car pooling e il car sharing. I parlamentari vadano a piedi o in bicicletta, e si rassegnino, perché è arrivata l’ora di buttare giù pancia: la ricetta è una sola, meno soldi e meno privilegi per la casta”, conclude Santori.

Condividi questo post