CONSEGNATO IL NIDO DELL’OSPEDALE “SAN GIUSEPPE”

CONSEGNATO IL NIDO DELL’OSPEDALE “SAN GIUSEPPE”

ENTRERA’ IN FUNZIONE GIA’ DA QUESTA SETTIMANA. UN ALTRO TASSELLO FONDAMENTALE PER LA SANITA’ LOCALE DOPO LA RIAPERTURA DI OSTETRICIA E GINECOLOGIA.
Per il Sindaco Palozzi col nuovo servizio favorito il processo di razionalizzazione e crescita delle struttura ospedaliera marinese

Dopo la riapertura del reparto di degenza ordinaria di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale “San Giuseppe” di Marino, è stato consegnato, a seguito della ristrutturazione, il Nido presso il nosocomio marinese. Il servizio è stato ubicato al terzo piano a fianco dei reparti di Ostetricia, Ginecologia e Sala Parto. Il Nido potrà entrare in funzione già da questa settimana in seguito ai lavori di pulizia ed igienizzazione al suo interno. Inoltre, la ditta affidataria dei lavori ha consegnato ad una ditta specializzata, per le operazioni previste dalla legge, le due montalettighe del corpo D che completano l’adeguamento dei percorsi verticali dell’intero ospedale. Contestualmente sono anche iniziati, al secondo piano del “San Giuseppe”, i lavori per la realizzazione della Centrale Operativa per la gestione dei trasporti dei pazienti sia per l’emergenza che per le normali attività della Asl Rm H con lo stanziamento del Centro Mobile di Rianimazione. Per il Sindaco della Città di Marino Adriano Palozzi, si tratta di un altro tassello di fondamentale importanza verso l’apertura di nuovi reparti e la riqualificazione di quelli esistenti del nosocomio cittadino. Il primo cittadino fa sapere che il Nido, insieme ai reparti di Ostetricia e Ginecologia, oltre al ripristino delle piene funzionalità del Consultorio di via Costa Batocchi, rappresenta il processo di crescita della sanità locale, in questo caso di Marino, volto a favorire la razionalizzazione delle strutture ospedaliere esistenti e non sulla apertura di nuove. Il sindaco, in conclusione, considera, inoltre, ancora aperta la questione del pronto soccorso dell’ospedale “San Giuseppe” sulla quale pende il parere definitivo del Consiglio di Stato.

Condividi questo post