Forte Bravetta: riapre il parco

Forte Bravetta: riapre il parco

Dopo la bonifica del parco, finalmente Forte Bravetta riapre la pubblico.
I lavori hanno riguardato il recupero degli alberi tra cui olmi, querce e fichi e il ripristino dei prati e dei giardini delle rose.
Inoltre, adesso è un luogo sicuro perché il fossato è stato interamente recintato e l’ingresso alle tre strutture esistenti è stato a sua volta limitato da barriere architettoniche.
Infine è stato rifatto l’impianto di illuminazione e di fornitura idrica, posizionate venti panchine e 25 cestoni portarifiuti, messe in funzione tre fontane e risistemati i viali d’accesso.

Alemanno, nell’inaugurare la riapertura del parco ha detto che il parco: «ha una valenza triplice, e cioè storico-naturalistica da una parte, tragica dall’altra perché ricorda uno dei periodi più bui e tragici nel quale si è visto l’eroismo, il coraggio e l’altruismo di tutto il popolo perché c’erano tutti, dai comunisti ai monarchici. Infine è un posto che ricorda tutte le persone giustiziate e per questo deve diventare simbolo del rifiuto della pena di morte e della tortura». Il direttore della Protezione civile di Roma, Tommaso Profeta, ha aggiunto che «nel 2009 il Forte era un gigante addormentato in una foresta. Oggi è un esempio di biodiversità che si è mantenuto nel tempo».

Condividi questo post