Il batterio killer nella nostra penisola? E’ nel salame di cervo

Il batterio killer nella nostra penisola? E’ nel salame di cervo

La psicosi del batteri killer sale giorno dopo giorno.
Dopo la morta di 22 persone e il contagio di 170, l’Italia sta correndo ai ripari.
Il ministero della Salute comunica che «è stata segnalata la presenza di un batterio produttore di tossine su un salame di cervo prodotto in Italia, sul quale si sta procedendo a effettuare le necessarie indagini».
Secondo quanto si è appreso la tossina contenuta nel salame di cervo segnalata dal ministero della salute apparterrebbe ad un ceppo di batterio differente da quello legato ai contagi in Germania.
Tuttavia, sarebbero in corso all’Istituto superiore di sanità alcuni esami di verifica, ma si ribadisce che è altamente improbabile qualsiasi correlazione con l’epidemia nella zona di Amburgo.
La fonte dell’epidemia della variante di E.coli, scoppiata in Germania e poi diffusasi in Europa, «con ogni probabilità potrebbe essere un alimento contaminato. Non sappiamo ancora quale, ma dovrebbe essere qualcosa che le donne preferiscono. Non si spiega altrimenti la maggior diffusione di casi nel sesso femminile».

Condividi questo post