L’origine del Batterio-killer sarebbe nei germogli di soia

L’origine del Batterio-killer sarebbe nei germogli di soia

Dopo aver vivisezionato casse intere di ortaggi di tutti i tipi, soprattutto i cetrioli, secondo le ultime “indagini” a causare il batterio-killere che ha già ucciso circa 25 persone, sarebbero i germogli di soia.
Lo ha riferito Gert Lindemann, il ministro dell’agricoltura della Bassa Sassonia, uno dei Laender più colpiti dall’epidemia. È stato anche individuato «con molta precisione» il percorso di distribuzione dei germogli sospetti – fanno sapere le autorità sanitarie tedesche, convinte di essere ormai vicine alla soluzione dell’enigma, dopo la false piste dei cetrioli e di altre verdure.
Ma intanto la sezione europea dell’Oms precisa che la soia rimane ancora un’ipotesi da verificare con il Roberto Koch Institute di Berlino ed è «benvenuto ogni ulteriore progresso nell’identificazione della fonte dell’epidemia».
Oggi il ministro della Salute Ferruccio Fazio incontrerà a Lussemburgo i suoi colleghi per concordare linee comuni di azione, mentre i Nas hanno ricevuto l’ordine di mantenere alti i controlli.

Condividi questo post