PRIMARIE: “ROMA, PARTECIPAZIONE E RINNOVAMENTO”

PRIMARIE: “ROMA, PARTECIPAZIONE E RINNOVAMENTO”

Non penso che Alemanno voglia vestire i panni del Berlusconi de “noantri”

“Il sindaco Alemanno avrà oggi la stessa convinzione e determinazione nel chiedere le primarie a livello cittadino a prescindere da quanto avvenuto a livello nazionale? D’altronde Roma è stato da sempre un laboratorio politico per l’intero Paese e quindi la cornice più naturale per sperimentare un percorso di partecipazione dei cittadini e di rinnovamento che nel centrodestra sembra essere un’araba fenice. Sarebbe un autogol incredibile non cogliere questa grande opportunità per marcare la differenza”.
Fabrizio Santori, consigliere di Roma Capitale e unico candidato alle primarie del centrodestra per la scelta del candidato Sindaco offre un assist al primo cittadino e lo invita a proseguire nell’organizzazione dell’appuntamento preelettorale per restituire ai cittadini la palla.

“Le primarie fanno bene a chi le fa. Come abbiamo visto il Pd ha recuperato consensi stimolando gli indecisi. E sono un esercizio di democrazia perchè riconsegnano ai cittadini quello che una certa politica gli ha scippato: il diritto di decidere. Dunque esortiamo Gianni Alemanno a tenere fede al suo impegno. Sono certo – dice Santori – che il sindaco capirà quanto sto dicendo. Non penso che voglia vestire i panni del Berlusconi de “noantri” continuando dritto per la sua strada senza tener conto di ciò che vogliono realmente i cittadini”.

“La partita elettorale non può iniziare senza i giocatori in campo – conclude Santori – E, per quanto mi riguarda, i veri giocatori sono i cittadini. Sono loro che possono e devono segnare il gol più bello che si possa immaginare: scegliersi i propri candidati senza imposizioni calate dall’alto”.

Condividi questo post