PUP PIAZZALE DELLA RADIO, ACCANTONI PROGETTO

PUP PIAZZALE DELLA RADIO, ACCANTONI PROGETTO

Augusto Santori (PDL):
“Doveva essere parcheggio pubblico ATAC, ora è appannaggio del solito costruttore Cam”

“Se non ci saranno le condizioni per poter garantire l’interesse collettivo nella progettazione del PUP di Piazzale della Radio, ritengo sia opportuno provvedere ad accantonare il progetto, su cui attendiamo ancora il termine della Conferenza dei Servizi”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV.
“La Conferenza dei Servizi infatti ancora non risulta chiusa – insiste Santori – considerato che alle deduzioni di Roma Metropolitane nei confronti del progetto ancora non risulterebbero agli atti le modifiche progettuali richieste al privato esecutore. Il Pup di Piazzale della Radio in base all’ultimo progetto presentato dal privato giace ancora sul percorso programmato dalla Metro D, di fatto rendendo inammissibile che si possa sacrificare l’interesse generale di trasporto pubblico a un parcheggio sulla cui effettiva funzionalità enormi dubbi si continuano a nutrire. Un parcheggio urbano che tra l’altro nasce in sostituzione di un vecchio progetto di parcheggio pubblico di scambio ATAC, a nostro avviso ben più utile per la mobilità e la vivibilità del quartiere Marconi rispetto a quello attuale”.
“Il parcheggio di Piazzale della Radio, di 521 posti di cui solo il 30% destinato a rotazione e il restante invece dedicato al pertinenziale e quindi a box privati – conclude Santori – non risponde alle necessità di tutela dello sviluppo commerciale di Marconi e neanche alla necessità dei residenti. Si tratta in sostanza dello stesso costruttore che sta cercando di portare a termine l’assurdo progetto del PUP di Via Enrico Fermi. E sui Pup la preoccupazione è che sia l’unica questione su cui il Presidente Paris e il Sindaco Alemanno sembrerebbero andare d’amore e d’accordo. Con la preoccupazione dei residenti e un sospetto che spero venga presto rimosso dal sentire comune del quartiere Marconi”.

Condividi questo post