Roma, si giocherà a -7 e a porte chiuse

Roma, si giocherà a -7 e a porte chiuse

Scaldacollo, guanti, calzettoni termici, piumini e cappelli: la Roma si allena al freddo di Mosca, dove si giocherà la qualificazione contro il Cska, nuovo rivale del gruppo E nella corsa al secondo posto dietro il Bayern già promosso. Due gradi sotto zero durante il lavoro di metà pomeriggio, niente a che vedere con il gelo previsto domani all’inizio del match, alle ore 20 locali. Solo Strootman non si copre e mostra la solita smorfia di chi è pronto ad arare il terreno di gioco dell’Arena Kimkhi, quanto di peggio ci possa essere in Europa. Preoccupati Garcia e i suoi collaboratori Fichaux e Bompard. Erba alta e irregolare, fondo pesante, colpa delle serpentine che scaldano lo strato di ghiaccio, creando l’effetto pantano o meglio ancora trappola.

SOLUZIONE D’EMERGENZA
Senza Maicon e Torosids, Garcia dever scegliere il terzino destro. Sono tre i candidati: Florenzi, utilizzato anche in estate contro il Real e l’Inter durante la Guinness Cup, Somma, entrato a Bergamo sabato pomeriggio al posto di Torosidis, e Nainggolan, carta della disperazione. Perché il primo non è abbastanza tosto e l’altro è troppo giovane.

PRECEDENTE SCOMODO
Il belga in quel ruolo si ritrovò anche il 1° novembre al San Paolo, quando contro il Napoli, al minuto 39, il tecnico di Nemorus sostituì Torosidis con Ljajic. Pochi secondi e l’errore che non ti aspetti. Palla regalata e contropiede corto di Higuain che, sfruttando l’omaggio di Radja, consegnò a Callejon il facile tocco del 2 a 0 davanti a De Sanctis. Improvvisamente Nainggolan diventa il favorito: la novità esce a Mosca e fa il giro d’Europa. Mossa annunciata per nasconderne di diverse. Sul modulo. Con il belga terzino sarebbe 4-3-3, con Florenzi il 4-4-2. in teoria c’è sempre la difesa 3. De Rossi lì dietro scivola sempre di più. E’ accaduto a Bergamo, non è da escludere domani.

(IlMessaggero.it)

Condividi questo post