Terremoto in Ciociaria, disagi e paura

Terremoto in Ciociaria, disagi e paura

Paura, disagi e nottate passate fuori casa a Sora, nel frusinate a causa del sisma di 4,8 gradi della scala Richter, registrato sabato sera, circa 200 mila persone sono senza acqua potabile in Ciociaria.

Il terremoto ha colpito anche l’Abruzzo con tre scosse, la più forte, di magnitudo 2.5, alle 22:26, le altre a mezzanotte e 43 minuti (magnitudo 2.3) e mezzanotte e 44 (2.4).

«Ci sono cittadini che hanno ancora paura e non vogliono trascorrere la notte nelle loro abitazioni», confermano dall’unità di crisi. A Sora, il paese più colpito, sono quattro le chiese dichiarate inagibili.

Nessun ferito grave, ma una donna di 63 anni di Isola Liri è morta poco dopo il sisma per problemi cardiopatici (secondo le prime indiscrezioni).

 

 

 

Condividi questo post